lunedì 17 gennaio 2011

esame di italiano per il permesso di soggiorno

Si parla solo  (per adesso) di permesso di soggiorno di lunga durata, gli altri continueranno a pagare ogni due anni, ogni  anno, sei mesi, un mese. Quello che uno non sa, può sempre comprarlo.
Come fare per richiedere l'ammissione all'esame?
Si può fare in forma telematica basterà rispondere a un breve questionario facendo accesso al sito del ministero dell'interno. Sia chiaro questo serve solo per essere ammessi all'esame vero e bisogna registrarsi (mettere i propri dati, avere un nome d'uso e una password)
Per fare qualsiasi cosa è meglio consultare il manuale, messo a disposizione dal ministero per gli immigrati.
clicca qui
sono 30 (dico trenta) pagine da leggere in "burocratichese" (linguaggio incomprensibile alla folla ma in uso fra le persone che si occupano tecnicamente di quello specifico lavoro) e mi chiedo se questo non sia già un buon banco di prova anche per un italiano, figuriamoci per uno straniero.
Il ministero degli interni (ma in altre nazioni dell'Europa è anche peggio) stringe i cordoni. Nel caso delle badanti è già difficile trovarne una giusta se poi quella giusta l'ammazzano con un esame, toccherà finire tutti all'ospizio.
Caro dott. Maroni (titolare del Ministero degli Interni) fra un po' in Italia, credo, sarà introdotto anche il coprifuoco. Noi gente di frontiera (quelli vicini alla Svizzera) se vogliamo la benzina italiana (più cara di tutt'Italia) anzichè quella Svizzera, dobbiamo presentare la tessera sanitaria al benzinaio e comunicargli un PIN guadagnato a bracciate nella folla antistante le ASL.
L'impressione è che ci si incammini verso un Comitato di Salute Pubblica.
Dove tutta la povera gente è inquadrata mentre i ladri latitano (grandi ladroni, medi e piccoli, oltre agli inevitabili ladracci)
Immagino lei potrà permettersi un maggiordomo, una governante, una dama di compagnia, una infermiera professionale magari tutti vestiti rigorosamente di blù stato. Noi poveri italiani vorremmo avere una vita meno impervia, avere una badante che ci aiuti a non scaricare i nostri affetti all'ospizio senza gravare lo stato di ulteriere spese per l'assistenza pubblica agli anziani.
Questa era una repubblica fondata sul lavoro ma in realtà sempre più sulla buona volontà.

Nota importante.

Non tutti devono sostenere l'esame. Chi ha certificati di frequenza a corsi di italiano, o a scuole italiane può presentare quelli. Devono riferirsi ad un livello classificato "A2"
e cioè:

Comprende frasi ed espressioni di uso frequente 
relative ad ambiti di immediata rilevanza (es. 
informazioni personali e familiari di base, fare la 
spesa, la geografia locale, l'occupazione). Comunica 
in attività semplici e di routine che richiedono un 
semplice scambio di informazioni su argomenti 
familiari e comuni. Sa descrivere in termini semplici 
aspetti del suo background, dell'ambiente circostante 
e sa esprimere bisogni immediati.

Tutte le classificazioni si trovano qui

9 commenti:

  1. Ciao cari Utente:
    i regolamenti sono molto complicads ministero dell'Interno, però ho letto e ho trovato molte cose sbagliate ...
    E un sacco di complicazioni, un abbraccio Mari Trini.

    RispondiElimina
  2. MA NON PER AVERE UN PERMESSO DI LUNGO PERIODO DEVI AVERE AL MENU CINQUE ANNI IN ITALIA E UN LAVORO FISSO E UNA CASA ,IO PER AVERLO DEVO ASPPETTARE ALTRI DUE ANNI PERCHE LA VOSTRA LEGGE E COSI E DOPPO 5 ANNI TI DANNO UN PERMESSO DI 10 ANNI MA DOPPO TI LO DANNO FISSO STAI IN ITALIA QUANDO VUOI (SE COME UN ITALIANO)NON TI CHIEDONO PIU NULLA SOLO IL PASSAPORTO QUANDO VAI E QUANDO TORNI E QUELLO E NORMALE PERO NON CAPISCO PERCHE L ITALIANI NON VOGLIONO I CLANDESTINI CHE VENGONO VERSO IL MARE E ASSUMANO ALTRI GENTE DELLO STESSO POSTO COME COLF E BADANTI AL MENU QUELLI CLANDESTINI SONO GIA IN ITALIA E MAGARI PARLANO UN PO D ITALIANO NON E COME QUELLI CHI SONO APPENA ARRIVATI

    RispondiElimina
  3. il governo, Berlusconi, il Re, il presidente, il capo, il sindacato, sono una cosa, il popolo è tutt'altra cosa, basta accendere il televisore e vedere cosa succede in Tunisia o in qualsiasi altra parte della terra. Il popolo non ha criterio, va all'arrembaggio e quando non ha più da mangiare mangia se stesso, finchè arriva uno che li nutre di parole e di ideologie e allora il popolo è disposto per un po' anche a digiunare.
    Il governo vuole che si assumano solo italiani così in italia non ci sarebbero disoccupati che il governo deve pagare. Se l'Italia assumesse solo Italiani il paese sarebbe ricco. Ma gli italiani non vogliono fare certi lavori, non vogliono lavorare dieci ore in Fiat, sono troppo pesanti e allora come hanno già fatto quelli degli elettrodomestici, (le grandi aziende) spostano gli stabilimenti in Turchia. La mia lavatrice (Candy) prima la facevano a Monza, adesso la fabbricano in Russia. Qui vicino a casa facevano cucine e fornelli (la Gasfire) sempre del gruppo Candy adesso sono in Turchia.
    Noi italiani o lavoriamo con dignità o non lavoriamo, il problema è che c'è sempre uno che lavora a meno dignità di quella che uno si da.
    Questa è la fregatura di noi italiani.
    Del resto c'è stato il periodo che noi facevamo gli elettroutensili degli inglesi e i frigoriferi degli olandesi e adesso c'è chi li fa per noi (pardon) ... per le nostre grandi aziende.

    RispondiElimina
  4. Ciao Utente:
    Grazie mille per i tuoi commenti, e la sensazione che ti ha dato brividi la storia del vampira a Barcellona, mi dispiace, e scusate ma era la storia e come ho detto, la colpa è mia zia Julia, è sempre stato con lei e ha comprato il caso, un giornale di crimini che gli piaceva molto, e ho letto con lei, ero molto giovane, 6 o 7 anni ... E mi piace ancora thriller ...
    Abbraccio e prendersi cura, il tuo amica Mari Trini, Barcellona.

    RispondiElimina
  5. Marius Trebvoic24 gennaio 2012 20:30

    per il permesso di soggiorno non serve l'esame di italiano. serve una residenza e pagare i bollettini inps o avere abbastanza soldi per pagare tasse e quant'altro

    RispondiElimina
  6. il problema dell'italiano non è un gran problema il guaio è avere un italiano CERTIFICATO.
    Ci sono diversi livelli uno che parla solo l'italiano a livello elementare non avrà la stessa certificazione di uno che fa un esame per un certificato a livello universitario di lingua e di cultura italiana ma poi a chi serve? solo a gente che va a fare vendite telefoniche in call center

    RispondiElimina
  7. Esame di italiano per il permesso di soggiorno? Ma se non lo chiedono nemmeno per la patente.

    RispondiElimina
  8. Neanche italiani parla bene sua lingua. Vuole fare esame a noi?

    RispondiElimina
  9. c'è gente che non sa nulla di italiano eppure fa la badante, basta conoscere i numeri di telefono conoscere il posto dove si sta via numero civico e città gridare "AIUTO" quando serve e avere un po' di affetto

    RispondiElimina

Quando un singolo post ha oltre 200 commenti, quelli eccedenti i primi 200, non vengono subito visualizzati. Per leggerli tutti è necessario cliccare qui sopra (quando viene inserito) il link:
"Carica altro..."